• Categoria

  • archivi

  • Articoli recenti

  • Post più letti

22 Maggio 2019 : 10 anni

Buon Compleanno Piccola, ti dedico questa poesia di Gianni Rodari scritta alla figlia Paola, ancora bambina:

Il gioco di fare da sola
è quello che più ti tenta
già non vuoi che ti tenga la mano
ogni giorno vai più lontano
per questo sono così pronto
a dirti sempre di sì
per ripagarmi fin d’ora
dei no che mi dovrai dire
per essere giusta con te stessa.

Ascolta l’Infinito

Ascolta l’Infinito – Singolo di Fiorella Mannoia (Enrico Ruggeri e Piero Fabrizi)

Album “Di terra e di vento” (1989)

Potremo ancora giocare la
partita del tempo
magari colorare qualche cartolina
e nelle notti future buttarci via
tenere il cuore lontano dalla ogni nostalgia
e questa voglia di caldo che arriva piano
e questa sete di vita che prende la mano

avremo tavoli pieni di persone contente
e fuori dei motori pieni di benzina
e l’occasione di vivere fantasie
e di nascondere piccole malinconie
ma la paura e la noia ritornano piano
la solitudine porta così lontano.

Com’è difficile dire tutto quello che sento
tutte le piccole grandi verità
ed ogni movimento che mi cambierà
e camminare così nell’infinito che ho dentro
che si modifica e cerca libertà
e chiede di capire quello che sarà
se parli piano puoi sentirlo già

ascolta l’infinito.

Vedremo case tradite dal passare degli anni
ci sembreranno piccole e dimenticate
ritroveremo discorsi curiosità
e quel dolcissimo male ci accarezzerà
ma non avremo parole per dire dov’è
e l’abitudine porta così lontano

non è possibile dire tutto quello che accende
tutte le deboli e forti simmetrie
che lasciano nell’anima le poesie
e quella parte di noi che l’infinito nasconde
che ci modifica e vuole verità
e sa comunicare quello che sarà
se guardi dentro puoi vederlo già

ascolta l’infinito

Verso il tramonto

Primavera!

Puntuali, sono tornati, è una gioia vederli fiorire!!!

Saluti da Bordighera

Bordighera (Imperia)

“Alberi spogli”

Quante foglie sono cadute

la notte scorsa!

Pare che gli alberi

si sian girati sottosopra

e abbiano adesso

la chioma in terra

e le radici in cielo.

“Alberi spogli” di Juan Ramón Jiménez Mantecón

Buone Feste e Auguri splendenti per il 2019